In evidenza

I DATI

Toscana, turismo all'aria aperta in lieve crescita

Lo conferma l’indagine previsionale 2021 a cura di Faita Toscana, che rappresenta le attività ricettive “open air” del sistema Confcommercio. ’attività di campeggi e villaggi turistici porterà in Toscana ...

Leggi

FINANZA AGEVOLATA

"Job Safety 2021", domande dal 10 maggio

La Camera di Commercio di Arezzo-Siena mette a disposizione voucher fino a 3.500 euro per l’acquisto di tamponi e dispositivi di sicurezza anti-Covid e per le operazioni di sanificazione di attrezzature e ambienti di l...

Leggi

L'INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE VALDARNO BIKE ROAD

Miniera Eco-days, il nuovo evento ecosostenibile

Domenica 23 maggio e domenica 13 giugno l’area mineraria Enel di Santa Barbara (Cavriglia-AR) sarà il cuore dell’iniziativa organizzata dall’Associazione Valdarno Bike Road insieme ad Enel, Comune di Cavriglia, Co...

Leggi

Archivio

Categoria: Associazione Macellai Aretini

L'INIZIATIVA

La gastronomia aretina ancora sugli schermi Rai

Dopo la pizza, è la volta della carne. A due giorni di distanza dall'intervista al presidente provinciale delle pizzerie Renato Pancini, mercoledì 16 marzo 2016 alle ore 11.15 sarà di nuovo ospite su Rai 1 della trasmissione “A conti fatti” il presidente di Federcarni Toscana e dei macellai aretini di Confcommercio Alberto Rossi. In studio, intervistato dalla conduttrice Elisa Isoardi, darà dimostrazione pratica di come si producono artigianalmente le salsicce nelle macellerie tradizionali, all'insegna di qualità e freschezza.

L'INIZIATIVA

I macellai aretini donano la carne alle mense della Caritas diocesana

Si rinnova l’accordo tra la Caritas diocesana diretta da monsignor Giuliano Francioli e l’associazione dei macellai di Confcommercio guidata da Alberto Rossi: gli operatori regaleranno trenta chili a settimana di carni rosse, carni bianche e uova per garantire una dieta sana e integrata agli utenti delle tre mense cittadine, dove vengono serviti circa 30mila pasti all’anno. Il direttore della Caritas diocesana mons. Giuliano Francioli: “la città di Arezzo sempre presente e solidale con chi ha bisogno”. Il presidente di Federcarni Arezzo Alberto Rossi: “il nostro impegno per accendere i riflettori sulle persone e sulle famiglie bisognose della città”. La presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini: “fare impresa può incidere positivamente sulla realtà sociale”.

CATEGORIE

Il presidente nazionale dei macellai Maurizio Arosio ad Arezzo

Grande successo per l’assemblea che il 24 febbraio 2016 ha visto riuniti oltre cento macellai di tutta la provincia. Il presidente provinciale Rossi: “una rappresentatività straordinaria, visto che in provincia il settore conta 123 imprese, segno della grande motivazione che contraddistingue la nostra categoria. Ora ci aspetta la sfida: passare dalla bottega tradizionale alla boutique della carne per soddisfare le mutate esigenze dei nostri clienti. Noi siamo i primi garanti della qualità dei prodotti sul banco nei loro confronti”. Il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni: “i macellai si sono ritagliati un ruolo di primo piano sul mercato, riuscendo addirittura a competere con i colossi della distribuzione alimentare grazie all’offerta di prodotti di alto profilo. Hanno perfino inventato un nuovo modello di ristorazione: il fast-cooking dei pronti a cuocere, che ha migliorato la vita di tante famiglie”. La presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini: “macellai da sempre in prima linea per la promozione del territorio e la solidarietà”. Premiati Alberto Rossi e Aldo Iacomoni per la carriera e l’impegno a sostegno della categoria.

IL COMMERCIO CHE CAMBIA

Arriva la macelleria 2.0. Macellai pronti alla rivoluzione

Mercoledì 24 febbraio alle ore 18.15 nell’hotel Minerva di Arezzo Confcommercio chiama a raccolta gli operatori del settore per fare il punto sulla situazione attuale e tracciare le linee dello sviluppo futuro, fra tradizione e creatività. Tra gli ospiti anche il presidente nazionale della categoria Maurizio Arosio. Il presidente provinciale Alberto Rossi: “basta con lo stereotipo del macellaio con il grembiule sporco di sangue. Oggi le nostro botteghe sono sempre di più vere e proprie boutique della carne , dove i clienti possono trovare piatti pronti degni di un grande chef”. L’obiettivo della sicurezza alimentare: “macellai parte attiva di una filiera in cui i controlli per fortuna sono garantiti da una rigorosa normativa e da un sistema sanitario tra i più strutturati a livello internazionale”.