In evidenza

I DATI

Toscana, turismo all'aria aperta in lieve crescita

Lo conferma l’indagine previsionale 2021 a cura di Faita Toscana, che rappresenta le attività ricettive “open air” del sistema Confcommercio. ’attività di campeggi e villaggi turistici porterà in Toscana ...

Leggi

FINANZA AGEVOLATA

"Job Safety 2021", domande dal 10 maggio

La Camera di Commercio di Arezzo-Siena mette a disposizione voucher fino a 3.500 euro per l’acquisto di tamponi e dispositivi di sicurezza anti-Covid e per le operazioni di sanificazione di attrezzature e ambienti di l...

Leggi

L'INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE VALDARNO BIKE ROAD

Miniera Eco-days, il nuovo evento ecosostenibile

Domenica 23 maggio e domenica 13 giugno l’area mineraria Enel di Santa Barbara (Cavriglia-AR) sarà il cuore dell’iniziativa organizzata dall’Associazione Valdarno Bike Road insieme ad Enel, Comune di Cavriglia, Co...

Leggi

Archivio

Categoria: Casentino

In evidenza
LE PAROLE DI LAPINI E MARINONI

DL Sostegni, "la montagna ha partorito il topolino"

Il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni commenta così il DL Sostegni presentato dal premier Mario Draghi. “Con una media di ristori praticamente pari a 3.700 euro ad impresa, il provvedimento non ha certo l’efficacia che ci aspettavamo. Se le risorse dello Stato sono così poche, insufficienti a tenere in piedi le nostre aziende, occorre bloccare immediatamente ogni voce di costo ma soprattutto adottare un piano vaccinale serio, intenso, che ci consenta di ricominciare a lavorare il prima possibile". La presidente Anna Lapini: "il cambio di passo promesso dal Governo e da noi tanto sperato non si è concretizzato di certo con questo Decreto. Intanto, mentre le nostre imprese sono chiuse, oltre ai contagi aumenta la criminalità organizzata, che si impadronisce delle attività in difficoltà e tenta di impossessarsi del controllo dei territori. E il governo che fa? Di certo non “whatever it takes” per salvare il Paese dal disastro…”.

In evidenza
LA MANIFESTEZIONE

La “catena umana” del terziario: imprenditori uniti per chiedere di far convivere salute e lavoro

Lunedì 1°marzo 2021 su iniziativa di Confcommercio e Confesercenti ad Arezzo e in altre dieci città toscane (Firenze, Grosseto, Massa, Livorno, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato, Siena e Viareggio) si è svolta la mobilitazione “Salviamo le imprese” per rivendicare una diversa gestione dell’emergenza pandemica, in grado di conciliare diritto alla salute e diritto al lavoro. A comporre la catena del terziario oltre 450 imprenditori, professionisti e dipendenti delle imprese del terziario di tutta la provincia

In evidenza
L'EVENTO

“Salviamo le imprese”, tutto pronto per la grande mobilitazione del terziario di lunedì 1° marzo

Su iniziativa delle associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti, alle ore 11 in contemporanea ad Arezzo e in altre dieci città toscane (Firenze, Grosseto, Massa, Livorno, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato, Siena e Viareggio). Ad Arezzo la lunga “catena umana” formata da oltre 350 persone (tra titolari e dipendenti di imprese del commercio, turismo e servizi, collaboratori, fornitori, liberi professionisti e semplici cittadini) si snoderà lungo corso Italia, dalla Pieve di santa Maria fino ai Bastioni di Santo Spirito.

In evidenza
LA GRANDE MANIFESTAZIONE

Il terziario aretino si mobilita: lunedì 1° marzo Confcommercio e Confesercenti portano in centro imprenditori e lavoratori

Presentata il 25 febbraio 2021 ad Arezzo, nella conferenza stampa ospitata dalla Camera di Commercio, la manifestazione “Salviamo le imprese. Salute e lavoro possono convivere”. In contemporanea con quanto avverrà nelle principali città toscane, anche ad Arezzo titolari di imprese del commercio, turismo e servizi, dipendenti, collaboratori, fornitori, liberi professionisti e semplici cittadini formeranno una simbolica “catena umana” per affermare il principio che salute e lavoro devono convivere, chiedendo una alternativa alle chiusure imposte dalle normative antiCovid e che, finora, si sono dimostrate inutili per fermare i contagi. 

In evidenza
AFFIDATI A CONFCOMMERCIO

Vuoi aprire una nuova attività?

Affidati a Confcommercio Arezzo, potrai realizzare il sogno di amministrare un’impresa ed essere artefice del tuo futuro con 8 passaggi fondamentali! Per assistenza e informazioni contatta lo sportello Start Up (Liala Basagni) allo 0575 350755 o invia una mail a liala.basagni@confcommercio.ar.it

In evidenza
CONVENZIONI

Salute, prezzi speciali per i soci Confcommercio

I soci potranno usufruire di prezzi agevolati su test sierologici, tamponi, visite specialistiche, ecografie, radiografie, risonanze magnetiche, TAC, MOC, ecografie, medicina dello sport, riabilitazione, fisioterapia e molto altro ancora. E le stesse tariffe potranno essere utilizzate dai loro familiari e dipendenti. Per info contattare l’Ufficio Marketing di Confcommercio Arezzo (Gabriella Iannotta) 0575 – 350755 -  gabriella.iannotta@confcommercio.ar.it

In evidenza
DETTAGLIANTI ORAFI

Federpreziosi, c'è la scadenza per il rinnovo del marchio

Il 31 gennaio 2021 è il termine ultimo entro cui i dettaglianti orafi di Confcommercio Arezzo devono effettuare il pagamento alla Camera di Commercio di competenza dei relativi diritti di saggio e marchio. Per assistenza e informazione contattare la segreteria di Federpreziosi-Confcommercio Arezzo allo 0575 350755 (sig.ra Liala Basagni) - liala.basagni@confcommercio.ar.it.

In evidenza
I DATI DI FEDERMODA

Saldi invernali 2021, “aspettative contenute. Ma il freddo potrebbe spingere le vendite”

Ogni aretino dovrebbe spendere 115 euro, ovvero 45 euro meno rispetto al 2020. A fare acquisti scontati saranno nel complesso sei famiglie su dieci, con un budget di 264,5 euro ciascuna per un totale di 23,4 milioni di euro di affari. Ovvero, oltre 9 milioni in meno rispetto ai saldi invernali 2020.

In evidenza
LE PREOCCUPAZIONI DELLA CATEGORIA

Casentino, gli imprenditori preoccupati per il mancato passaggio a zona gialla

Il presidente della delegazione territoriale di Confcommercio Adelmo Baracchi lancia un grido di allarme: “la zona arancione blocca gli spostamenti e non dà possibilità ai pubblici esercizi di lavorare a pieno regime. Questo porterà danni incalcolabili soprattutto al settore del turismo. Corriamo in soccorso delle attività danneggiate, il Natale è l’ultimo appiglio del 2020”.

In evidenza
LE NUOVE DISPOSIZIONI DEL GOVERNO

La Toscana in zona rossa

Dal 15 novembre e almeno per i prossimi 15 giorni. Lo ha deciso il Ministero della Salute. Scopri quali sono le nuove restrizioni da rispettare, che si aggiungono a quelle già in vigore come il “coprifuoco” dalle 22 alle 5. Leggi l’elenco dei negozi al dettaglio che possono comunque restare aperti al pubblico, mentre per gli altri sono possibili solo vendite on line e consegne a domicilio.