In evidenza

RISTORATORI IN PIAZZA

Protesta dei pubblici esercizi, a Firenze molti ristoratori aretini

Mercoledì 28 ottobre alle ore 11.30 in piazza Duomo su iniziativa della Fipe-Confcommercio Federico Vestri, Renato Pancini e Stefano Mearini, presidenti rispettivamente dei ristoratori, delle pizzerie e dei baristi...

Leggi

MARKETING

Welfare Forum Digital Edition

Giovedì 29 ottobre dalle ore 11 alle ore 13 si svolge on line il più importante evento italiano dedicato al welfare aziendale e al settore delle risorse umane. Per partecipare, è sufficiente registrarsi al seguente li...

Leggi

L'EVENTO

Un Natale "diverso" per Arezzo

La vicedirettrice della Confcommercio aretina spiega le motivazioni che hanno portato ad annullare per quest'anno la realizzazione del Mercatino Tirolese di piazza Grande e degli altri eventi di animazione che Confcommer...

Leggi

Archivio

Categoria: Enogastronomia

In evidenza
L'INIZIATIVA

Cortona, sinergia fra antiquariato e gastronomia

Prosegue fino al 3 settembre la speciale promozione ideata per la 55esima edizione di Cortonantiquaria: un biglietto di ingresso ridotto alla mostra dell'antiquariato per ogni menù degustazione consumato nei ristoranti cortonesi aderenti a “Vetrina Toscana” o per acquisti di prodotti tipici nelle botteghe del circuito.

In evidenza
CONCORRENZA SLEALE

Bar e ristoranti "mascherati", è ancora allarme

In una nota congiunta i due presidenti dell’associazione ristoratori aretini di Confcommercio Federico Vestri e dell’associazione pizzerie aretine Renato Pancini, tornano a parlare di somministrazione parallela e concorrenza sleale: “mentre noi ristoratori ci sforziamo a far quadrare i conti, c’è chi guadagna alle spalle nostre e della comunità. E i controlli dove sono?” I numeri, anche a livello nazionale, sono impressionanti: secondo una recente indagine di Fipe, i ristoranti attivi in falsi agriturismi, circoli culturali e sportivo-ricreativi fatturano nel complesso 5,2 miliardi, mentre le "finte" sagre fatturano oltre 558 milioni e generano una perdita di imposte dirette e contributi pari a 710 milioni. Confcommercio lancia quindi l’idea di un’indagine territoriale che metta in luce i numeri del fenomeno in provincia di Arezzo, con la collaborazione dei Comuni: “la politica deve assumersi questo impegno perché ragionare sui numeri, certi e condivisi, è l’unico modo per capire il vero impatto del fenomeno e trovare soluzioni adeguate”.

"Arezzo Back in Time", la storia si scopre al ristorante

Da venerdì 28 a domenica 30 luglio 2017, in occasione della tre-giorni di rievocazioni storiche ideata dal Comune di Arezzo, alcuni locali del centro storico inseriranno nel menù piatti ispirati alle antiche ricette romane, medievali e rinascimentali. Dalla colatura di alici, erede dell’antico “garum”, agli arrosti speziati del Rinascimento, tante specialità per scoprire cosa piaceva mangiare ai nostri “antenati”. I locali saranno riconoscibili dalla presenza all’esterno di un simpatico cartonato con la sagoma di un personaggio in vestiti romani o rinascimentali. C’è ancora tempo per gli operatori che volessero aggiungersi all’iniziativa: per sapere come fare, basta rivolgersi agli uffici della Confcommercio (Laura Lodone, tel. 0575 350755) o di Confesercenti (Valeria Alvisi, tel. 0575 984312).

In evidenza
L'EVENTO

Gusto e cultura a Sansepolcro con “Sapori diVini”

 

Al via la prima edizione dell’evento dedicato al vino nel cuore della Valtiberina. Degustazioni, concorsi e seminari saranno gli appuntamenti principali della manifestazione in programma il 13 e 14 maggio. L’evento, organizzato in collaborazione con Confcommercio e le altre associazioni di categoria, vedrà il coinvolgimento degli esercizi del centro storico con pranzi, cene e aperitivi con i sapori del territorio.

In evidenza
L'EVENTO

Grande successo per il "25 aprile in fiera"

 

La manifestazione, realizzata dalle associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato in collaborazione con il Comune di Arezzo, ha catturato l’interesse dei visitatori che hanno scelto Arezzo per questo ponte primaverile. Bel giro di pubblico e discreti affari per gli operatori. Appuntamento confermato per l’edizione 2018, con più stand e il potenziamento dell’area vintage e modernariato

L'EVENTO DAL 22 AL 25 APRILE

Ad Arezzo il gusto si fa in quattro

 

Da sabato 22 a martedì 25 aprile torna La Piazza del Gusto, la kermesse dedicata alle eccellenze enogastronomiche della provincia, organizzata dalla Confcommercio con il patrocinio di Comune di Arezzo, Fraternita dei Laici e il contributo di Banca Popolare di Cortona e GP Motors Arezzo. Edizione da record per la manifestazione che dopo nove anni raddoppia la sua durata. Dai due giorni canonici arriva ai quattro della rassegna 2017. Un impegno significativo all’insegna della qualità della proposta enogastronomica. Quindici le isole alimentari presenti in piazza con apertura dalle 10 alle 24 per la degustazione e vendita di prodotti tipici e piatti take away: dalle golosità della tradizione alle specialità “gluten free” .Il cibo diventa anche spettacolo con i cooking show, gli intrattenimenti musicali, le animazioni per bambini della Banda dei Piccoli Chef e la curiosa iniziativa in stile vintage e retrò del Barber Shop, capelli e barba in piazza Grande. Tra i protagonisti: i macellai di Confcommercio, gli operatori di piazza Grande, i birrifici di Coldiretti, l’Associazione Cuochi di Arezzo, Carlo Viti con il suo gelato e la novità 2017 con il tartufo di Tartufitaly tra gli stand della piazza.

In evidenza
L'INDAGINE

I ristoranti toscani piacciono. Anche sul web

Presentati a Firenze nella sede della Regione i risultati dell’indagine condotta da Confcommercio Toscana e Centro Studi Turistici su un campione di ristoranti aderenti al programma regionale “Vetrina Toscana”. Ottimi i risultati sul livello di reputazione conquistato dai locali su social media e portali di viaggio collettori delle recensioni. Ma l’interazione con i nuovi canali di comunicazione on line è ancora molto bassa: anche se l’80% dei ristoranti ha un sito internet aziendale e il 78% riceve le prenotazioni anche tramite email, pochissimi riescono a presenziare i social con la dovuta efficacia e tempestività. Così, quasi il 90% dei commenti postati dagli utenti resta senza risposta e solo un locale su due aggiorna la sua pagina Facebook. Gli operatori concentrano l’attenzione soprattutto sulla cucina, ancorandosi ai valori della tradizione, ma sono diventati più sensibili ai bisogni della clientela, che cercano di assecondare con menù più flessibili e attenzione al rispetto dei principi nutrizionali e salutistici.  Grazie ai fondi per l’innovazione messi a bando dalla Regione Toscana, Confcommercio lancia un progetto per  formare i ristoratori che vogliono migliorare la presenza sul web.

 

L'INIZIATIVA

A tavola in salute con gli "over 50" di Confcommercio

Giovedì 16 marzo alle ore 17 ad Arezzo in Casa Thevenin (via Sassoverde 32) su iniziativa di 50&Più Arezzo in collaborazione con l’Istituto Thevenin incontro aperto al pubblico per parlare di alimentazione sana per tutte le età insieme al dottor Pier Luigi Rossi, medico specialista in scienza dell’alimentazione, e  all’imprenditore agricolo Elio Capecchi, produttore di cereali. Al termine, degustazione di bruschette e pappa al pomodoro realizzate con pane di grano Verna e altri prodotti tipici locali. Il presidente di 50&Più Giuseppe Cuseri: “un tema di grande rilevanza. Capita purtroppo che alcuni anziani non mangino come si deve a causa di solitudine, abbandono, problemi economici, cognitivi e psicologici. Dobbiamo intervenire per aiutarli a mantenersi in salute il più a lungo possibile”.

 

Renato Pancini
FORMAZIONE

Pizzaiolo, una figura da riscoprire

"I pizzaioli bravi sono più rari degli chef e noi facciamo fatica a trovarli", racconta il presidente dell'Associazione Pizzerie Aretine Renato Pancini. Chi volesse sperimentarsi nel mestiere può ora iniziare dall’”abc”, frequentando il corso di formazione organizzato ad Arezzo dalla Confcommercio, che fra aprile e maggio partirà in ben due edizioni: una pomeridiana e l’altra serale, per permettere anche a chi eventualmente avesse un’occupazione di frequentare le lezioni. 40 ore per avere un solido inquadramento teorico su cui innestare la pratica nei locali. 

PUBBLICI ESERCIZI

Nasce "Fipe Business School": imprenditori a scuola di successo

Quattro giornate seminariali di lunedì, a partire dal 20 marzo, per chi vuole migliorare le proprie competenze manageriali per restare sul mercato vincendo la concorrenza e ottimizzando i costi di gestione. Il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni: “in provincia di Arezzo oltre 2.200 i pubblici esercizi, in pratica un locale ogni 156 abitanti. C’è bisogno di lavorare sulla qualità più che sulla quantità. Tornare sui banchi di scuola serve alle imprese vincenti, l’intuito oggi non paga più”. Il vicepresidente vicario nazionale di Fipe Confcommercio Aldo Cursano: “in Italia il settore conta oltre 300 mila imprese, 1 milione di addetti e  circa 40 miliardi di euro di valore aggiunto. Un mondo variegato e complesso, alle prese con cambiamenti continui. Ecco perché servono migliori competenze manageriali”.