In evidenza

FIMAA-CONFCOMMERCIO AREZZO

Agenti immobiliari. Consentite le visite negli immobili abitati, il Governo modifica la FAQ.

Gli agenti potranno recarsi negli immobili abitati, ovviamente nel rispetto delle misure precauzionali e di sicurezza, oramai note, orientate a evitare rischi di contagio da Covid-19 (utilizzo di mascherina, guanti ...

Leggi

UFFICIO IGIENE&SICUREZZA CONFCOMMERCIO AREZZO

Sicurezza anti Covid-19, come dimostrare di essere in regola

Le imprese con lavoratori devono poter certificare, in caso di controlli da parte delle autorità, il rispetto di tutte le normative in materia di gestione dell’emergenza sanitaria nei luoghi di lavoro. Conviene quindi...

Leggi

50&Più AREZZO

“Old, but Gold”, 50&più Arezzo pensa al benessere psicologico degli “over 50”

L’associazione degli over 50 di Confcommercio, in convenzione con il Gruppo Psicologi guidato dalla dottoressa Elisa Marcheselli, promuove consulenze psicologiche individuali per i soci e i familiari con uno sconto sul...

Leggi

Archivio

Categoria: FIPE

In evidenza
FIPE CONFCOMMERCIO AREZZO

SIAE, Proroga del pagamento dei diritti d'autore per musica d'ambiente nei pubblici esercizi.

Emergenza epidemiologica Covid-19 – Siae proroga al 30 giugno 2020 la scadenza dei termini per il pagamento dell'abbonamento annuale e al 31 luglio 2020 quella per il pagamento dell'abbonamento stagionale.

In evidenza
FIPE CONFCOMMERCIO AREZZO

Arezzo, spazio pubblico esterno per i locali

Parte la sperimentazione "Arezzo Viva e Sicura": venerdì 29 e sabato 30 maggio primo fine settimana con il centro chiuso al traffico nelle aree gialle. Ecco come richiedere il suolo pubblico esterno aggiuntivo.

In evidenza
FIPE CONFCOMMERCIO AREZZO

Confcommercio: “bene il progetto “Arezzo sicura e viva” e l’annullamento della Cosap, così si fa rivivere la città e si dà respiro alle imprese”

Più tavolini e dehors all’aperto, oltre ad essere funzionali per accogliere i clienti, disegneranno un volto più accogliente e vitale della città per i turisti ma anche per i tanti aretini che probabilmente dovranno rinunciare alle ferie per motivi economici. Secondo il recente rapporto Confcommercio-Censis su fiducia, consumi e impatto del Covid-19, infatti, oltre la metà delle famiglie italiane non ha ancora programmato nulla per le vacanze estive e circa il 30% rimarrà a casa non avendo disponibilità economica (percentuale che sale al 57% per i livelli socio-economici bassi). Solo il 9,4% si permetterà il “lusso” di partire, ma con una riduzione di budget e di durata. Ad incidere sul dato anche la paura di perdere il posto di lavoro, che tocca quasi sei famiglie su dieci.

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

Week end responsabile, i locali aretini esortano i clienti: “impariamo a conciliare divertimento e sicurezza”.

Chiusura anticipata a mezzanotte di venerdì e sabato, rispetto rigoroso del distanziamento sociale, servizio al tavolo potenziato anche all’esterno e più vigilanza – anche privata - perché tutti rispettino le regole. L’obiettivo: tutelare la salute di tutti ed evitare di tornare alla Fase 1. La vicedirettrice della Confcommercio aretina: “Arezzo città sicura e modello per l’intrattenimento responsabile”.

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO

Diritti connessi, il pagamento SCF slitta a luglio.

SCF proroga al 31 luglio il termine per il pagamento degli abbonamenti annuali per musica d’ambiente. Per maggiori informazioni e per verificare gli importi dei compensi, contatta la segreteria Fipe Confcommercio Arezzo: 0575 350755

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

Coronavirus, no a giornali e riviste in consultazione

Lo stabilisce in via temporanea, per la durata dell’emergenza sanitaria, una nuova ordinanza regionale firmata il 18 maggio dal presidente Enrico Rossi. La norma, che vale per tutti i luoghi pubblici o aperti al pubblico, da bar e ristoranti a studi medici, parrucchieri e centri estetici, ha l'obiettivo di migliorare le regole di sicurezza adottate con i protocolli nazionali.

In evidenza
L'INIZIATIVA

Confcommercio Toscana, "imprenditori pronti alla mobilitazione il 4 maggio"

Negozi, bar e ristoranti riapriranno i battenti lunedì prossimo dalle ore 10.30 alle 13, pur senza far entrare clienti, come forma di protesta contro il calendario delle aperture fissato dal Governo Conte. Il direttore regionale Franco Marinoni: “chiediamo che sia anticipata al 4 maggio – anziché al 18 - la ripartenza dei negozi al dettaglio. Per i ristoranti e i pubblici esercizi è invece più importante del “quando” aprire il “come”: se si deve riaprire coni costi di prima e i ricavi dimezzati è inutile e dannoso farlo. Per questo vogliamo aiuti concreti per il settore: contributi a fondo perduto, moratoria fiscale e sostegno per pagare affitti e bollette”. E per bar e ristoranti “l’autorizzazione ad occupare gratuitamente spazi pubblici per non dover ridurre i coperti a causa delle distanze”.

In evidenza
FIPE CONFCOMMERCIO AREZZO

#unabirraperdomani

Nastro Azzurro dona 250.000€ e lancia la social challenge per raccogliere fondi a sostegno dei lavoratori di bar, pizzerie e locali d’Italia. I pubblici esercizi gestiti da giovani imprenditori possono candidarsi online per ricevere il contributo.

In evidenza
CONFCOMMERCIO TOSCANA

Confcommercio: “inammissibile favorire le imprese della grande distribuzione a discapito delle altre, soprattutto in questo momento”

Dopo la decisione della Regione Toscana di autorizzare la vendita di materiale di cancelleria, giocattoli, fiori e piante all’interno dei supermercati, l’associazione di categoria alza la protesta a nome di cartolerie e cartolibrerie, fioristi e giocattolai. “Piccoli negozi che a fatica stavano cercando di esaudire le richieste dei propri clienti con le consegne a domicilio, ora si trovano buttate fuori dal mercato come fossero figli di un dio minore”, dice il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni. I pericoli per la salute: “così aumenteranno file e persone nei centri della grande distribuzione”

In evidenza
FIPE CONFCOMMERCIO

"Take away", Confcommercio chiede il via libera alla Regione

Autorizzare per ristoranti, pasticcerie e gelaterie l'attività di vendita per asporto, unitamente a quella già possibile di consegna a domicilio. Lo ha chiesto formalmente Confcommercio Toscana alla Regione, con una lettera firmata dalla presidente regionale Anna Lapini e dal presidente di Fipe Confcommercio Toscana Aldo Cursano e indirizzata al presidente della Regione Enrico Rossi e all'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo. "In questa emergenza epidemiologica i vari provvedimenti che sono stati adottati ai diversi livelli rischiano di generare una discriminazione tra le attività economiche del settore alimentare".