In evidenza

LA GRANDE MANIFESTAZIONE

Il terziario aretino si mobilita: lunedì 1° marzo Confcommercio e Confesercenti portano in centro imprenditori e lavoratori

Presentata il 25 febbraio 2021 ad Arezzo, nella conferenza stampa ospitata dalla Camera di Commercio, la manifestazione “Salviamo le imprese. Salute e lavoro possono convivere”. In contemporanea c...

Leggi

GRUPPO PSICOLOGI CONFCOMMERCIO AREZZO

Cura mentale della persona, se ne parla in diretta Facebook

Giovedì 25 febbraio alle ore 18, nella pagina ufficiale di Confcommercio Arezzo, il collegamento con il prof. Stefano Pallanti, esperto in terapie di Neuromodulazione, e con la psicologa e psicoterapeuta Christina Bachm...

Leggi

FORMAZIONE CONFCOMMERCIO

For.Te, lo strumento giusto per formare i tuoi dipendenti

Grazie al Fondo istituito da Confcommercio e dai sindacati dei lavoratori potrai usufruire di corsi gratuiti su social marketing, social shopping ed e-commerce. Per info: Formazione Confcommercio Arezzo, 0575 350755 – ...

Leggi

Archivio

Categoria: FIPE

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

Sigep Rimini, con Fipe entri gratis

Torna a Rimini dal 20 al 24 gennaio la più grande fiera internazionale di gelateria, pasticceria, panificazione artigianale e caffè. Tante novità e aggiornamenti per gli operatori del settore. E il 21 gennaio Fipe organizza un convegno dedicato al gelato

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

Slot machine, presto il rinnovo per l'iscrizione agli elenchi

I gestori di locali dove sono installati apparecchi di gioco hanno tempo fino al 20 gennaio 2019 per rinnovare la propria iscrizione, in via telematica, all’apposito elenco degli operatori. Per informazioni, contattare la segreteria provinciale Fipe-Confcommercio al numero di telefono 0575 350755 (Massimiliano Micelli)

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

Pagamenti con moneta elettronica

Vietato applicare supplementi di prezzo a chi usa carte di debito o di credito per pagare il conto in negozi e locali

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO AREZZO

La salute vien mangiando, anche fuori casa

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi e il Ministero della Salute hanno siglato un'intesa per avviare una collaborazione di lungo periodo e iniziative rivolte a clienti ed esercenti del Belpaese per promuovere un'alimentazione sempre più sicura e attenta ai nuovi stili di vita. Il presidente di Fipe Lino Enrico Stoppani: "è proprio nei pubblici esercizi che spesso si definiscono molte delle abitudini alimentari dei cittadini, tenendo conto che milioni di italiani consumano almeno un pasto della loro giornata al di fuori delle mura domestiche".

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO

Buoni pasto, Fipe-Confcommercio invita gli esercenti creditori di Qui!Group a rivolgersi allo sportello SOS

Dopo il fallimento dell’azienda emettitrice di buoni pasto, sono circa 23mila in Italia i bar e ristoranti che rischiano di vedere andare in fumo oltre 200 milioni di euro. Piemonte, Liguria, Sicilia e Lazio le regioni più interessate. La Federazione dei pubblici esercizi di Confcommercio ha attivato per i soci un servizio di assistenza legale specifico e ha richiesto al Governo di costituzione di un fondo per rimborsare le imprese creditrici di QUI!Group. Per prenotare un appuntamento con lo Sportello SOS Buoni Pasto di Arezzo, telefonare ai numeri 0575 350755 oppure 0575 742787 oppure scrivere a massimiliano.micelli@confcommercio.ar.it

 

In evidenza
PUBBLICI ESERCIZI

Freno a cibo e bevande nei circoli privati. "Adesso i controlli"

Li chiede la Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi)-Confcommercio di Arezzo appellandosi alle istituzioni locali. I presidenti provinciali Stefano Mearini (bar), Federico Vestri (ristoranti) e Renato Pancini (pizzerie): “l’ordinanza della Cassazione che ha messo ordine su quanto può fare un circolo privato nell'ambito della somministrazione rende finalmente giustizia ai pubblici esercizi che rispettano le regole, pagano le tasse e creano vera occupazione. Adesso la palla passa alle istituzioni locali che devono smascherare e sanzionare gli enti senza scopo di lucro che fanno profitti con la somministrazione e l’organizzazione di eventi”. In provincia di Arezzo, secondo i dati Istat, esistono oltre 1.796 circoli privati aperti, il 9,4% della Toscana. “Qualcuno usa escamotage per fare profitto. Adesso basta con gli abusi, anche a salvaguardia delle associazioni no profit serie”.

 

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO

Sigarette elettroniche: sì in negozi e locali, no nelle scuole

La Fipe-Confcommercio della provincia di Arezzo chiarisce che l’uso delle sigarette elettroniche nei pubblici esercizi e negozi è consentito, anche se permane il diritto dell’esercente di vietarne l’uso nel proprio locale.

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO

Prodotti alimentari, attenti all'etichetta

Col nuovo decreto legislativo 145/2017 chi mette in vendita cibi senza indicare luogo di produzione e confezionamento rischia multe fino a 15 mila euro. L’obbligo entra in vigore dal 9 maggio e riguarda esclusivamente gli alimenti prodotti in Italia. Si consiglia agli esercenti di controllare i prodotti e restituire ai fornitori quelli con etichettatura incompleta.

In evidenza
FIPE-CONFCOMMERCIO

Cosap, cosa cambia a Cortona per negozi e pubblici esercizi

Martedì 17 aprile, alle ore 14.30 incontro con i tecnici comunali e gli operatori di bar, ristoranti e attività commerciali del centro storico per parlare del nuovo regolamento sull’occupazione dello spazio pubblico, in vigore da gennaio, e analizzare le nuove tariffe. L’appuntamento, ad ingresso libero, è nei locali del ristorante Tonino di Cortona, in piazza Garibaldi 1.

In evidenza
REGOLAMENTO

Somministrazione alcolici, "Bene le nuove regole del Comune di Arezzo"

Positivo il parere delle associazioni di categoria dopo l’approvazione definitiva del nuovo regolamento: “Abbiamo compreso e condiviso fin dall’inizio gli obiettivi che l’Amministrazione si poneva con il nuovo regolamento, ovvero stroncare il fenomeno dell’abuso di alcol ed evitare quei fenomeni di degrado che spesso vi sono collegati”. “Le nostre richieste nella stesura definitiva del regolamento sono state tenute di conto, portando alle 22 il limite orario entro cui poter vendere bevande alcoliche da asporto".