In evidenza

CONFGUIDE AREZZO

Alla scoperta di Sansepolcro con le guide di Confcommercio

Dopo il grande successo del progetto Dentro Sansepolcro - Il Museo diffuso l’iniziativa proseguirà fino a settembre. Tutti i sabati alle ore 15 tour della città alla scoperta del patrimonio artistico e culturale di S...

Leggi

CONFCOMMERCIO TOSCANA

Toscana, meno ricavi e più assunzioni per le imprese del terziario

Tiene la liquidità, anche se un terzo di chi chiede credito alle banche non lo ottiene. Attivo il saldo fra nuove imprese e cessate: +1.929, a fronte di un calo in tutti gli altri comparti. Ma diminuisce la fiducia e st...

Leggi

PANIFICATORI

Costo del pane: sui quotidiani locali considerazioni inesatte e fuorvianti

I panificatori di Confartigianato e Confcommercio replicano alla denuncia degli agricoltori...

Leggi

Archivio

Categoria: FIPE

PUBBLICI ESERCIZI

Arezzo, i baristi chiedono più sicurezza

All’indomani dei furti subiti da due locali del capoluogo (il Caffè di Piazza di piazza Giotto e il bar Magi di via Vittorio Veneto), interviene il presidente provinciale di Fipe-Confcommercio Stefano Mearini, alla sua prima uscita pubblica dopo la recente nomina alla guida dei baristi aretini. “Lavorare sulla strada è diventato difficile, chiediamo più controlli”. Venerdì 28 ottobre i vertici di Confcommercio saranno ricevuti dal Questore. Mearini, 52 anni, titolare ad Arezzo dell’Enoteca Charleston fondata dai genitori Lucio e Marisa, è figlio d’arte anche nell’impegno sindacale: il padre Lucio scomparso nel 2014 è stato a lungo presidente della Fipe aretina. Con Stefano a guidare la categoria per i prossimi quattro anni ci sono anche i vicepresidenti Alessandro Ferretti, titolare della Bottega degli Illustri di Arezzo ed Emanuele Gallorini, titolare del bar Il Drago e del ristorante Tirovino a Castiglion Fiorentino e di un locale ad Arezzo. Nel loro programma, oltre alla priorità della sicurezza, ci sono anche la lotta l’abusivismo e alla concorrenza sleale e l’impegno a coinvolgere i pubblici esercizi nella promozione del territorio.
LA PROPOSTA

"Toscana e Firenze, capitali dell'enogastronomia"

Si è chiusa a Firenze la due giorni del premio Italia a Tavola, che ha raccolto in città il gotha della ristorazione italiana, con il patrocinio del Comune di Firenze e l’organizzazione del network Italia a Tavola insieme a Confcommercio Toscana, Fipe (Federazione italiana Pubblici Esercizi) ed Ebtt. E all'indomani dell'evento, Confcommercio lancia una proposta: far diventare Firenze capitale italiana dell’enogastronomia e dell’arte raffinata dell’accoglienza. La presidente Anna Lapini: "il cibo resta una delle attrazioni più forti per i turisti che arrivano in Italia da tutto il mondo; nella lista delle loro valutazioni, spesso ristoranti e pasticcerie compaiono prima di musei e spiagge". Il presidente di Fipe-Confcommercio Toscana Aldo Cursano: “con il Premio Italia a Tavola vogliamo fondare un nuovo Rinascimento per l’enogastronomia e il turismo italiano e Firenze ci sembra il luogo ideale da dove ripartire”.

SCADENZE

Siae, proroga al 18 marzo

Posticipata al 18 marzo la scadenza per pagare i diritti annuali SIAE relativi agli strumenti musicali e agli apparecchi meccanici, obbligatori per chi diffonde musica d'ambiente nel proprio negozio o esercizio. Gli associati Confcommercio possono avvalersi di una speciale riduzione. Per informazioni, contattare la sede dell'associazione di categoria più vicina.

Consigli per una ristorazione più "sostenibile"