Notizie

Shopper a pagamento dal 1° gennaio, escluse quelle di carta

Confcommercio invita i commercianti a porre la massima attenzione sulla normativa legata alle “shopper” entrata in vigore dal 1 gennaio 2018, che prevede l’obbligo di far pagare ai consumatori i sacchetti di plastica di qualsiasi tipo (anche ultraleggeri come quelli utilizzati per imbustare frutta e verdura), ma perfino le buste biodegradabili o compostabili.
 
Le sole shopper cedibili gratuitamente restano quindi quelle di carta. Le altre, invece, dovranno essere consegnate solo dietro specifico pagamento, che dovrà risultare dallo scontrino o dalla fattura d'acquisto emessi. 
 
“La normativa ha il fine di razionalizzare la distribuzione di buste ed evitare l’inquinamento collegato”, spiega la responsabile della Confcommercio aretina Catiuscia Fei, “fra l’altro, le buste di plastica oltre un certo spessore sono state messe definitivamente al bando, per cui è bene che il commerciante, nel momento in cui si rifornisce di nuovi sacchetti, stia attento che siano valide per legge”. 
 
Confcommercio ha predisposto un utile vademecum e una dichiarazione di conformità che i negozianti potranno consegnare ai propri fornitori di buste, onde evitare spiacevoli disguidi ed eventuali sanzioni. Per avere i due documenti, basta contattare la sede dell’Associazione (telefono 0575350755).
Condividi:

Torna indietro